Come scegliere una Bistecchiera

Tutti, almeno una volta, abbiamo desiderato cibo da barbecue, magari accompagnato da delle patatine, ma non abbiamo potuto farlo perché ci trovavamo in casa!

Bistecchiera: come scegliere la migliore

Pertanto vi parliamo di BISTECCHIERE: accessorio unico per un risultato perfetto, complice adatto per chi adora la carne in tutte le sue sfaccettature. Con queste si può cuocere senza l’aggiunta di grassi esaltando così, grazie al fuoco, tutti i sapori.
In commercio troviamo molti tipi di bistecchiera, ognuna diversa dall’altra per caratteristiche, grandezza o materiali. Ma vediamo meglio di analizzare i principali tipi per capire quale fa al caso nostro.

La bistecchiera in ghisa cuoce la carne in tempi brevi e senza grassi aggiunti, inoltre emana il calore in modo uniforme e può essere utilizzata su qualsiasi tipo di fornello. Bisogna fare attenzione anche alla manutenzione per la durata nel tempo dell’oggetto: iniziare la cottura quando la bistecchiera è già calda e lavarla esclusivamente a mano e con poco detergete una volta fredda. L’unica nota negativa della ghisa è il peso, infatti questo tipo di bistecchiere, al contrario di una normale antiaderente, pesano molto.
Anche la bistecchiera elettrica è molto diffusa, questa è collegata ad un cavo elettrico e non è, quindi, a contatto diretto con la fiamma. Essendo composta da due parti perfettamente uguali e riscaldate è in grado di cuocere in modo uniforme senza il bisogno di cambiare la posizione della carne. È importante sceglierne una che consenta la variazione di temperatura in quanto alcuni cibi cotti ad una temperatura troppo alta rischiano di perdere i loro valori nutritivi. Esistono dei modelli anti fumo ed odori che permettono di cucinare tutto senza quasi lasciarne traccia in casa o dovunque ci si trovi. Si tratta di bistecchiere capaci di offrire ottime prestazioni, anche se, dato il volume, sono un po’ più difficili da maneggiare.
Da pochi anni troviamo in commercio la bistecchiera in pietra ollare, questa è nota per le speciali caratteristiche termiche che garantiscono il mantenimento del calore fino ad un massimo di due ore dopo lo spegnimento della fiamma.

Quelle più comuni sono costituite da una lastra di pietra ollare adagiata su un
altro supporto riposto sulla fiamma che ci permette di cucinare ad induzione i cibi che abbiamo riposto sulla lastra. Esistono, però, anche dei modelli che si possono tranquillamente adagiare direttamente sulla fonte di calore ed altri ancora che si possono utilizzare come dei veri e propri piatti da portata, muniti di maniglie e supporti anti scottatura. Sono essenziali perché non producono fumo e cattivi odori, sono antiaderenti e cuociono i cibi mantenendoli molto morbidi. La bistecchiera in pietra ollare non va mai lavata con detergenti e va trattata con la massima cura.
Esiste anche la bistecchiera in pietra lavica che ha le stesse caratteristiche di quella in pietra ollare ma, anziché verde, si presenta nera.

COME SCEGLIERE LA BISTECCHIERA IN BASE ALLE PROPRIE ESIGENZE

Esistono molte alternative valide in commercio che consentono la cottura non solo della carne ma anche di verdure o pesce: perché una bistecchiera sia versatile è importante prenderne una che consente di regolare manualmente la sua temperatura, in questo caso vi consigliamo una bistecchiera elettrica dotata di piastre estraibili per una pulizia accurata, l’unica nota negativa è la grandezza dell’apparecchio. Di solito questo tipo di bistecchiera permette di preparare una o due porzioni alla volta. Tutt’altro discorso possiamo fare per le bistecchiere in ghisa: le troviamo con dimensioni più ampie ma, in questo caso, risultano poco maneggevoli e poco semplici da spostare o pulire. Di dimensioni ampie sono anche le bistecchiere in pietra, come abbiamo già detto mantengono il cibo caldo a lungo ma non si possono adoperare velocemente in quanto richiedono tempi più lunghi di riscaldamento anche se è quella che concede le migliori prestazioni.
Al momento dell’acquisto bisogna fare attenzione ai supporti che la completano: i manici devono essere perfettamente isolati per evitare il rischio di scottarsi.

CONSIGLI UTILI PER IL MIGLIOR UTILIZZO DELLA BISTECCHIERA

1. USARE UNA BISTECCHIERA DAL FONDO ONDULATO: più le scanalature saranno in rilievo e più facilmente si otterrà l’effetto “griglia”.

2. PRERISCALDARE LA BISTECCHIERA: accendila almeno 5 minuti prima di iniziare ad utilizzarla, quando sarà calda in modo uniforme cucinerà il cibo in maniera omogenea.

3. EVITA DI TOCCARE SEMPRE IL CIBO IN COTTURA: le pietanze non vanno girate o cambiate di posizione almeno per i primi 60 secondi, questo donerà maggior carattere e sapore al vostro piatto.

4. LAVA LA BISTECCHIERA CON ACQUA CALDA: una volta che è completamente fredda lavatela solo con acqua calda e con l’aiuto di un panno morbido e pulito che non la rovinerà.

5. CONSERVALA IN UN LUOGO FRESCO E ASCIUTTO: mantenere la bistecchiera in un posto assolutamente privo di umidità terrà lontana la formazione della ruggine.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: